Iscriviti alla newsletter! Subito per te 7€ sul primo acquisto nel PPStore! (valido fino al 31/07/2020)

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
4 Marzo 2020 Il team di ProntoPannolino Gravidanza

Diabete gestazionale e glicemia in gravidanza: cos’è la curva glicemica e quali sono i valori normali di glucosio nel sangue nelle donne incinte?

Tra i vari esami di routine che le donne incinte devono realizzare nei 9 mesi di gestazione c’è anche la cosiddetta “curva glicemica” (anche se il termine corretto sarebbe “curva da carico orale di glucosio”).

Questo esame cerca valori anormali di glucosio nel sangue per poter diagnosticare un eventuale diabete gestazionale che – se non viene scoperto – può causare complicazioni sia alla mamma che al bambino.

Cos’è il diabete gestazionale? E in cosa consiste la curva glicemica?

Vediamolo insieme!

Cos’è il diabete gestazionale?

Il diabete è una malattia che causa livelli alti di glucosio nel sangue; il diabete gestazionale è un diabete che si presenta solo durante la gravidanza, quindi – in alcune donne incinte – nei 9 mesi di gestazione può verificarsi un innalzamento anormale dei livelli di glucosio nel sangue.

È importante diagnosticare questa condizione poiché il diabete gestazionale può causare complicazioni durante la gravidanza, sia alla mamma che al bambino.

Il bambino di una mamma con diabete gestazionale rischia:

  • di nascere prematuro
  • di avere un peso eccessivo alla nascita
  • di avere bassi livelli di glucosio nel sangue subito dopo la nascita
  • di andare incontro a problemi respiratori
  • di sviluppare, crescendo, il diabete di tipo 2 e problemi di peso eccessivo

Una donna che durante la gravidanza ha il diabete gestazionale rischia:

  • di partorire prematuramente
  • di dover sottoporsi a un taglio cesareo a causa delle dimensioni eccessive del bambino
  • di soffrire di preeclampsia (gestosi)
  • di avere un aborto spontaneo
  • di sviluppare il diabete di tipo 2 dopo la gravidanza

Il diabete gestazionale spesso non dà sintomi evidenti e non sono ancora del tutto chiari i meccanismi che lo innescano; si conoscono però i fattori di rischio che rendono una donna incinta più propensa a sviluppare questa patologia:

  • avere più di 25 anni
  • essere sovrappeso o obesa
  • avere (anche prima della gravidanza) livelli alti di glucosio nel sangue
  • avere parenti stretti che soffrono di diabete
  • essere afroamericana, sudamericana, asiatica, nativa americana

Le donne con diabete gestazionale devono seguire una dieta particolare e, se fosse necessario, sottoporsi a piccole iniezioni di insulina.

Cos’è la curva glicemica?

Abbiamo detto che il diabete gestazionale può essere rischioso per mamma e bambino ma che nella maggior parte dei casi è asintomatico; per questo è necessario realizzare a tutte le donne incinte un esame che sia in grado di accertare la presenza o meno di questa patologia di cui le stesse mamme possono non essere al corrente.

La curva glicemia è proprio l’esame che controlla il livello di glucosio nel sangue delle donne in gravidanza.

Quando si fa la curva glicemica?

Questo esame si realizza tra la settimana 24 e la settimana 28.

Può essere anticipato tra la 16ma e 18ma settimana se:

  • la mamma è più a rischio di sviluppare il diabete (perché ha uno o più fattori di rischio che abbiamo visto in precedenza)
  • in seguito alle analisi delle urine di routine vengono riscontrati alti livelli di glucosio

Tuttavia da qualche anno a questa parte per garantire una diagnosi precoce ed efficace del diabete gestazionale alle mamme incinte si effettua subito, già all’inizio della gravidanza, un prelievo di sangue per controllare – tra gli altri valori – anche quello della glicemia basale.

Se questi valori sono uguali o superiori a 92 mg/dL è necessario fare un altro prelievo per ricontrollare il risultato: se anche questo secondo prelievo restituisce un risultato uguale o superiore a 92 mg/dL, automaticamente scatta la diagnosi di diabete gestazionale senza dover aspettare di fare l’esame della curva glicemica.

In cosa consiste la curva glicemica?

Si tratta di più prelievi di sangue che si realizzano prima e dopo aver bevuto un liquido ad alto contenuto di glucosio.

Di solito la mamma fa un prelievo di sangue appena arrivata in ospedale (o in ambulatorio) a digiuno; poi beve una soluzione di acqua e glucosio.

Dopo un’ora dall’assunzione di questa soluzione viene effettuato un altro prelievo di sangue per comparare i valori della glicemia.

Se i valori di glucosio sono troppo alti (tra poco vedremo i parametri) la mamma deve tornare in ospedale per fare un altro esame: in questo caso viene fatto un prelievo prima di bere la soluzione e dopo aver bevuto la soluzione verranno fatti altri due prelievi di sangue, ognuno a distanza di un’ora da quello precedente.

Mentre alcuni ginecologi prescrivono l’esame in cui bisogna aspettare solo un’ora, altri prescrivono direttamente quello da tre prelievi.

Quali sono i valori della curva glicemica?

Nell’esame con solo due prelievi (uno prima di bere la soluzione e l’altro un’ora dopo), i valori normali sono uguali o inferiori a 140 mg/dL (milligrammi per decilitro).

Se il risultato è superiore a 140 mg/dL allora si passa a fare la prova che prevede tre prelievi di sangue a distanza di un’ora l’uno dall’altro.

In questo esame da tre prelievi vengono considerati anormali, quindi indice di diabete gestazionale, i seguenti valori:

  • primo prelievo a digiuno: maggiore di 92 mg/dL
  • prelievo un’ora dopo aver ingerito la soluzione di glucosio: maggiore di 180 mg/dL
  • prelievo due ore dopo aver ingerito la soluzione di glucosio: maggiore di 153 mg/dL (8.5 mmol/L)

Come devo prepararmi all’esame della curva glicemica?

Non c’è nessuna preparazione particolare da seguire, nei giorni precedenti alla data del prelievo non c’è bisogno di fare modifiche alla dieta o allo stile di vita.

Tuttavia bisogna digiunare completamente dalle 8 alle 14 ore precedenti alla prova, quindi la sera prima del prelievo è necessario non cenare troppo tardi.

Cosa succede se i valori della curva glicemica sono alti (cosa succede se ho il diabete gestazionale)?

Come abbiamo detto prima, se la curva glicemica restituisce valori compatibili con un diabete gestazionale il ginecologo o il medico curante daranno dei consigli sulla dieta (cibi da preferire e da evitare) e sullo stile di vita (il movimento è importante).

Se fosse necessario questa patologia può essere tenuta a bada con periodiche iniezioni di insulina.

Come posso prevenire il diabete gestazionale?

Ci sono alcuni fattori di rischio (ad esempio l’età o il gruppo etnico di appartenenza) contro i quali possiamo fare ben poco.

Possiamo però modificare il nostro stile di vita per minimizzare il rischio di diabete gestazionale: nel caso di sovrappeso quindi è necessario osservare una dieta e fare esercizio, evitando la vita sedentaria e gli alimenti troppo grassi e zuccherati.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: curva da carico orale di glucosio, curva glicemica, diabete gestazionale, glicemia
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog