Scopri subito la promo di marzo: risparmi e ottieni salviette gratis!

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
8 Ottobre 2018 Il team di ProntoPannolino Primi mesi

Cos’è il riflesso di moro – o dell’abbraccio – e perché si verifica? Ecco la causa dei “sussulti” dei neonati!

Dal momento della nascita i piccoli cominciano ad imparare tutta una serie di reazioni e movimenti che gli saranno utili durante il resto della loro vita: tuttavia ci sono alcuni comportamenti involontari, i cosiddetti “riflessi neonatali”, che si verificano in tutti i piccolini indipendentemente dalla loro volontà.

Tra questi riflessi – che tendono a sparire nelle prime settimane o nei primi mesi dopo la nascita – uno dei più particolari è il riflesso di Moro. In cosa consiste?

A marzo 2021 per tutti gli ordini dal PPStore e tutte le PPBox acquistate in regalo due confezioni di salviette!

Approfittane subito!

Cos’è il riflesso di Moro?

Il riflesso di Moro prende il suo nome dal pediatra austriaco Ernst Moro che all’inizio del 900 classificò e descrisse nel dettaglio questo comportamento involontario.

Quando un bimbo manifesta il riflesso di Moro le sue braccia si allargano con un movimento improvviso (come se volesse abbracciare o afferrare qualcosa), i palmi delle mani sono rivolti all’insù, le dita sono tese tranne i pollici che sono flessi.

Quando il riflesso finisce il piccolo riporta le braccia lungo i fianchi, flette i gomiti e si rilassa; il riflesso può a volta essere accompagnato dal pianto.

Quali sono le cause del riflesso di Moro?

Questo comportamento è legato al livello di allerta dei neonati: è un riflesso arcaico che risale alle scimmie da cui discendiamo; i primati, infatti, portano i piccoli addosso e per non cadere dal corpo della mamma i cuccioli si sostengono con le braccia allargate stringendo il pelo fra i pugni.

Quando si spaventano o in situazioni di pericolo improvviso i piccoli rafforzano la presa per mantenersi ancora più saldamente al corpo della madre: ecco perché quando si spaventano a causa di un movimento o un rumore improvviso i neonati manifestano il riflesso di Moro (chiamato a volte, appunto, anche “il riflesso dell’abbraccio”).

Può succedere che il riflesso di Moro non si manifesti in seguito a uno spavento o a un cambiamento improvviso ma che accada anche nel sonno, mentre il bambino dorme: anche in questo caso, è del tutto normale.

Quando si manifesta il riflesso di Moro?

Questo comportamento involontario è presente nel feto già dal sesto mese di gestazione: lo presentano quindi tutti i neonati alla nascita (salvo alcune eccezioni che vedremo più avanti), compresi i neonati prematuri.

Di solito questo riflesso si riscontra nei piccoli fino ai 4 mesi di vita; passato quel momento viene sostituito dal riflesso di Strauss, lo stesso presente negli adulti, che consiste nel tipico “soprassalto” legato a uno spavento o a un evento inaspettato.

Come scatenare il riflesso di Moro?

Nelle visite di routine il pediatra si accerterà della presenza di questo riflesso: per scatenarlo ci sono diversi modi, il più diffuso consiste nell’appoggiare il bimbo a pancia in su, su di una superficie piatta e morbida (letto, lettino del medico, etc.)

Afferrando i pugni del bambino si alza il corpicino facendo in modo di sollevare unicamente il peso dalla superficie, senza arrivare a staccare effettivamente il corpo da dove è appoggiato: poi si lasciano improvvisamente le braccia del bambino che – notando la mancanza di un sostegno (ovvero le braccia che prima lo sostenevano) – manifesterà il riflesso di Moro.

Il riflesso di Moro è normale?

Sì, questo riflesso è indice di un buon funzionamento del sistema nervoso dei bambini; per questo il pediatra si accerterà della sua presenza durante le visite.

A marzo 2021 per tutti gli ordini dal PPStore e tutte le PPBox acquistate in regalo due confezioni di salviette!

Approfittane subito!

Cosa succede se un bambino non manifesta il riflesso di Moro?

La mancanza di questo riflesso – o il manifestarlo in maniera anormale – può essere il sintomo di un problema di salute.

La mancanza del riflesso di Moro di solito è associata con problemi al sistema nervoso ma potrebbe essere legato anche a condizioni muscolari o nervose o ad altre patologie legate allo sviluppo cerebrale.

A seconda del caso il pediatra saprà indicare ulteriori esami necessari per determinare le cause che determinano l’assenza di questo riflesso.

Cosa succede se il riflesso di Moro si manifesta oltre i 4 mesi?

Abbiamo detto che questo comportamento involontario tende a sparire attorno ai 4 mesi per essere sostituito dal riflesso di Strauss.

Se un bambino dopo i 4 mesi dovesse continuare a manifestare il riflesso di Moro la causa potrebbe essere uno scarso controllo degli impulsi, un sovraccarico sensoriale, ansia, immaturità emotiva e sociale, ipersensibilità e iperreattività.

Anche in questo caso sarà il pediatra a valutare a seconda del caso.

In conclusione

Se non si conosce il riflesso di Moro può destare preoccupazione nei neogenitori che non capiscono il perché di questo comportamento e possono pensare che il loro bimbo abbia qualcosa che non va.

Si tratta invece di un indice di buona salute del sistema nervoso, è quindi del tutto normale e destinato a sparire dopo il quarto mese di vita.

Se un piccolo dovesse piangere dopo il riflesso di Moro non dobbiamo fare altro che prenderlo in braccio e calmarlo; passato il riflesso (e lo spavento) il bimbo tornerà ad essere rilassato e tranquillo.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: riflesso dell'abbraccio, riflesso di moro, sussulti neonati
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog