Promo ottobre: 2 prodotti Saponi di Un Tempo gratis con ordini superiori a 30 € nel PPStore!

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
1 Dicembre 2017 Il team di ProntoPannolino Consigli, Primi mesi

Singhiozzo nei neonati: perché viene? Ecco le cause e i rimedi per tenere a bada i singulti!

Spesso con i bambini piccoli ci preoccupiamo di situazioni che negli adulti vediamo del tutto normali e a cui non daremmo eccessiva importanza, come ad esempio avere qualche linea di febbre o un po’ di mal di stomaco. Un altro esempio è il singhiozzo, un fenomeno del tutto normale che – talvolta – può causare apprensione ai neo genitori.

A cos’è dovuto il singhiozzo?

Promo ottobre 2021: 2 prodotti Sapone di Un Tempo in regalo per gli ordini nel PPStore da almeno 30 €!

Approfittane subito!

Si tratta di un fenomeno che interessa l’apparato respiratorio: si manifesta con uno spasmo inspiratorio a glottide chiusa (la glottide è la cartilagine posta all’inizio della laringe che regola il passaggio d’aria e i suoni prodotti dalle corde vocali) e da una contrazione involontaria del diaframma; la sua caratteristica più peculiare è il suono tipico del singulto, accompagnato da un “sobbalzo” del torace.

Il singhiozzo può manifestarsi a qualsiasi età, ancora prima delle nascita! Le mamme già nelle ultime settimane di gestazione possono avvertire i singulti del feto, che sembrano essere una sorta di “allenamento” alla respirazione che il piccolo dovrà mettere in pratica una volta venuto al mondo.

Non c’è quindi da preoccuparsi se un neonato (anche di poche ore o pochi giorni di vita) ha di frequente il singhiozzo. Le cause sono di solito legate a una quantità eccessiva di aria che viene ingerita dal piccolo, ad esempio:

– durante la poppata una grande voracità induce il piccolo ad inghiottire molta aria. I neonati inoltre sono molto propensi a rigurgitare il latte poiché il cardias (la valvola che si trova tra l’esofago e lo stomaco, appena sotto al diaframma) non funziona ancora alla perfezione. Quindi, può accadere che al momento della pappa il cardias si distenda e stimoli le contrazioni del diaframma, causando il singhiozzo.

– trattandosi di un fenomeno legato all’apparato respiratorio, anche una crisi di pianto durante la quale il piccolo ingerisce grandi quantità di aria può scatenare il singhiozzo.

E’ importante sapere che il singhiozzo è una manifestazione transitoria e che tende a risolversi autonomamente (senza quindi dover ricorrere a rimedi per farlo passare) entro poco tempo.

Se il bambino dovesse essere soggetto ad attacchi di singhiozzo molto frequenti e che durano nel tempo, tanto che il piccolo si mostra visibilmente infastidito, è possibile ricorrere a qualche strategia per cercare di far passare i singulti.

Se il piccolo prende il seno il metodo più efficace è quello di attaccarlo: infatti il meccanismo di deglutizione riporta il diaframma al suo stato normale; tuttavia se attacchiamo il piccolo al seno per fargli passare il singhiozzo questi potrebbe non volerlo poiché in quel momento non ha fame e, quindi, potrebbe rifiutare la poppata.

In questo caso non bisogna insistere obbligandolo ad accettare il seno, si può provare a dargli il ciuccio (se lo prende) oppure una piccolissima quantità di acqua tiepida, circa un cucchiaino da caffè: questo rimedio si può usare anche per i bimbi che prendono il biberon, che hanno orari prestabiliti per la poppata che non può venirgli proposta per interrompere i singulti (a meno che l’ora del biberon non coincida proprio con un episodio di singhiozzo).

Bere qualche sorso d’acqua può servire invece per i bambini più grandicelli che assumono già altri liquidi nella loro dieta oltre al latte materno o artificiale.

Un altro rimedio efficace, ma più difficile da provocare, è far starnutire il piccolo facendogli solletico sotto il naso: il meccanismo dello starnuto interessa anche il diaframma che torna quindi al suo stato normale, facendo cessare il singhiozzo.

Promo ottobre 2021: 2 prodotti Sapone di Un Tempo in regalo per gli ordini nel PPStore da almeno 30 €!

Approfittane subito!

Se nessuno di questi rimedi dovesse funzionare non bisogna allarmarsi: il singhiozzo passerà da solo!

Ricordiamoci che tanti rimedi – efficaci o meno – che vengono consigliati agli adulti non sono assolutamente da praticare con i più piccoli: quindi evitare di far trattenere il respiro al bimbo, farlo spaventare a proposito, mettergli zucchero sotto la lingua, fargli bere un cucchiaino d’aceto, etc.

Può essere un fenomeno forse fastidioso ma è totalmente innocuo e i piccoli non ne sono particolarmente disturbati.

Se però dovesse sembrarci che gli episodi di singhiozzo si facciano sempre più frequenti, duraturi e se il piccolo dovesse esserne molto infastidito è consigliabile parlarne con il pediatra che, eventualmente, potrà decidere se fare degli accertamenti.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: singhiozzo, singhiozzo neonati, singhiozzo rimedi
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog