Iscriviti alla newsletter! Ricevi 2 codici per risparmiare 5€ sulla prima PPBox e 3€ sul primo acquisto nel PPStore! (valido fino al 30/06/2019)

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
15 Febbraio 2018 Il team di ProntoPannolino Consigli, Dalla redazione, Igiene, Primi mesi

Come pulire le parti intime e il culetto dei neonati? Tanti consigli per l’igiene intima dei bambini!

lavare-genitali-bambini

Fare il bagnetto al proprio bimbo non è solo una buona pratica, ma anche un piacere: è un momento di relax e dolcezza sia per il piccolo sia per la mamma e il papà; se fare un bagnetto completo tutti i giorni non è necessario (soprattutto nella stagione fredda), dobbiamo però avere un’attenzione particolare per le parti intime dei bambini che, quando utilizzano il pannolino, vanno lavate più di frequente.

Il sederino e i genitali dei bambini sono parti molto delicate: l’utilizzo del pannolino – anche del migliore sul mercato – rende la pelle della zona intima più umida per il contatto più o meno prolungato con la pipì e la popò e, per questo motivo, se non viene lavata accuratamente e con una certa periodicità la pelle può infiammarsi anche a causa dei batteri contenuti nelle urine e nelle feci.

D’altro canto sappiamo che se ci laviamo troppo spesso il contatto con l’acqua e con il sapone può alterare il pH fisiologico della pelle: quindi quanto e come lavare le parti intime dei bambini?

Quanto e come lavare le parti intime dei bimbi maschi

In passato si consigliava di pulire il pisellino dei bimbi tirando indietro la pelle del prepuzio già da piccolissimi: è stato invece dimostrato che farlo può causare lesioni ed infiammazioni ed è quindi una pratica da evitare; mano a mano che il bimbo cresce, verso i 4 o 5 anni, la pelle del prepuzio scorrerà molto più facilmente e sarà quindi possibile ritrarla per la pulizia.

Fino a quel momento, però, basta lavare con acqua tiepida lo scroto e il pisellino dei bimbi dall’esterno, senza fare nient’altro; anche il culetto può essere lavato solo con acqua tiepida per poi asciugare l’intera zona accuratamente con un asciugamano soffice o una pezzuola di cotone, facendo attenzione a non lasciare umidità tra le eventuali pieghe della pelle.

Siccome lavare la zona intima dei bimbi è un’operazione che può venire fatta diverse volte al giorno (anche ad ogni cambio di pannolino) non è necessario usare sempre il sapone che può alterare il pH della pelle: se vogliamo usarlo, comunque, dobbiamo sceglierne uno delicato e specifico per la pelle dei bimbi, usandone una quantità minima.

Quando e come lavare le parti intime delle bimbe femmine

Anche per le femminucce vale lo stesso consiglio di utilizzare solo acqua tiepida e, se vogliamo, pochissimo sapone delicato per lavare la zona intima a ogni cambio di pannolino.

Con le bimbe è anche possibile bagnare un batuffolo di cotone e poi passarlo tra le pieghe della pelle, senza però andare a toccare l’interno della vagina (né esteriormente né andando in profondità): è importante ricordarsi che nelle bimbe il senso della pulizia deve essere sempre dalla vagina verso l’ano e non il contrario, per evitare che i batteri della zona anale passino in quella vaginale causando eventuali infezioni.

E’ molto comune poi che, soprattutto nei primi mesi quando la pupù dei piccoli è molto liquida, le vagina delle bimbe si sporchi di feci: in questo caso è necessario pulire tutti i residui, anche dalla vulva (facendolo molto delicatamente e senza spingere).

Nel caso utilizzassimo sapone, ricordiamoci di sciacquare benissimo la zona e quando passiamo ad asciugare con una salvietta morbida o pezzuola di cotone lo possiamo fare tamponando e prestando attenzione a non lasciare parti umide.

Dopo i primi giorni di vita, nelle bambine possiamo notare delle perdite bianche all’interno della vagina: è un fenomeno del tutto normale e non devono essere rimosse; bisogna consultare il pediatra solo se le perdite sembrano eccessive o maleodoranti (potrebbe esserci un’infezione in atto).

Inoltre dopo la nascita le bimbe potrebbero avere delle leggere perdite di sangue dalla vagina: nonostante sia un fenomeno che può spaventare è del tutto normale ed è causato dagli ormoni materni che vengono passati alla piccola nel canale del parto, con il latte e attraverso la placenta.

Anche in questo caso non bisogna fare nulla, la situazione tornerà alla normalità dopo qualche giorno; se così non dovesse essere, o se le perdite di sangue fossero molto abbondanti, bisogna far visita al pediatra.

E le salviette umide?

Abbiamo detto che il modo ideale di lavare la zona intima dei bimbi è solo con acqua tiepida ed eventualmente un po’ di sapone delicato: quindi le salviettine umidificate non devono essere utilizzate?

Come regola generale possiamo dire che, quando abbiamo a disposizione comodamente un lavandino dove poter lavare il sederino del nostro bimbo, è sufficiente farlo con l’acqua.

Se però siamo fuori casa o in una situazione in cui ci risulta difficile o scomodo utilizzare l’acqua, le salviettine vanno benissimo: attenzione però che non contengano sostanze irritanti che potrebbero infiammare la pelle dei bambini.

Nel nostro PPStore trovate le salviette Speedy Care e le Assorbello UP, entrambe senza parabeni ed alchol, insieme alle salviette Trudi Baby Care e Trudy Baby Nature completamente prive di allergeni.

Che sapone usare?

La prima regola per quanto riguarda il sapone è usarne poco: è comunque importante sceglierne uno delicato, formulato appositamente per proteggere la pelle delicata dei bambini.

Nel nostro PPStore ci sono moltissimi prodotti adatti alla zona intima dei bambini: bagnolatte, bagnoschiuma, mousse, gel delicato… Tantissime alternative per poter scegliere il prodotto che soddisfa le esigenze di ogni genitore.

Crema all’ossido di zinco: serve?

La crema all’ossido di zinco è l’ideale quando il sederino o la zona intima dei bimbi è arrossata dal sudore o dall’umidità: basta metterne uno strato sulla zona interessata per avere un effetto “scudo” che protegge la pelle del bimbo dagli agenti esterni.

Per alleviare un sederino infiammato si può anche ricorrere ad alcuni rimedi naturali, mentre tra i prodotti in vendita sul nostro sito c’è una vasta scelta di creme protettive con diverse formulazioni, formati e profumazioni, per venire incontro alla preferenza di ognuno.

Per concludere

Una corretta igiene intima nei bambini con acqua, poco sapone delicato e – all’occorrenza – l’uso di salviettine umidificate senza irritanti li aiuterà ad evitare le infiammazioni della zona genitale causate, a volte, anche da un uso non sempre ottimale del pannolino.

Nel nostro decalogo sull’uso del pannolino trovate tanti consigli per utilizzarli al meglio ed evitare, tra le altre cose, possibili irritazioni 😉

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: come lavare i genitali dei bambini, lavare i genitali dei neonati, zona intima bambini
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino!

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog