SIAMO SPIACENTI, PER LA SICUREZZA DEI NOSTRI COLLABORATORI SOSPENDIAMO LE CONSEGNE FINO AL 27 MARZO

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
18 Aprile 2018 Il team di ProntoPannolino Alimentazione, Dalla redazione

Latte in polvere senza olio di palma: i contaminanti del latte artificiale ed il nuovo Regolamento Europeo 2018

Tempo fa avevamo dedicato un articolo allo “scandalo” che aveva visto la maggior parte delle marche di latte in polvere per l’infanzia superare la dosa giornaliera tollerabile di contaminanti pericolosi per la salute che possono essere contenute negli alimenti.

Questi contaminanti sono dovuti principalmente alla raffinazione dell’olio di palma presente praticamente in tutte le composizioni di latte in formula: l’olio di palma – molto economico rispetto ad altri oli vegetali – viene utilizzato per stabilizzare e conservare il latte in polvere, che può così mantenere inalterate le sue caratteristiche per diversi mesi.

Quando viene raffinato, l’olio di palma raggiunge alte temperature e produce non intenzionalmente sostanze contaminanti, fino a dieci volte maggiori rispetto a quelle prodotte da altri oli vegetali; queste sostanze, nello specifico, sono il 3-MCPD (composto organico clorurato cancerogeno che può causare infertilità nei soggetti di sesso maschile) e i GE (glicidil esteri degli acidi grassi, anch’essi cancerogeni).

Da luglio del 2019 queste sostanze non potranno essere presenti in una misura superiore ai 50 microgrammi per ogni chilogrammo di latte in polvere: a stabilirlo è un Regolamento ufficiale dell’Unione Europea del febbraio 2018 volto a regolare i tenori massimi di glicidil esteri degli acidi grassi negli oli e nei grassi vegetali, nelle formule per lattanti, nelle formule di proseguimento e negli alimenti a fini medici speciali destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia.

Per quanto riguarda il 3-MCPD nel 2016 l’EFSA (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) stabiliva che la dose giornaliera tollerabile fosse 0,8 μg per kg di peso corporeo; questo limite nel 2017 è stato portato a 2 μg/kg.

Tuttavia, anche innalzando la dose giornaliera tollerabile, continuano ad esserci dei soggetti a rischio, ovvero tutti i bambini nutriti esclusivamente con latte artificiale che potrebbero quindi oltrepassare questa soglia.

Qual è la soluzione a questo problema? Il primo provvedimento da prendere sarebbe quello di sostituire l’olio di palma con altri oli vegetali che non alterino gli standard nutritivi del latte artificiale e la cui raffinazione generi meno contaminanti; sul mercato c’è sempre stato un latte in polvere senza olio di palma (quello a marchio Coop), e da poco anche Nipiol e Plasmon hanno eliminato questo ingrediente.

Le aziende produttrici di latte artificiale hanno ancora oltre un anno di tempo per adattarsi alle nuove linee guida: ci auguriamo che nei prossimi mesi la situazione possa migliorare per salvaguardare la salute di tutti i bambini che vengono alimentati con il latte in polvere.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: cotaminanti latte artificiale, latte in polvere senza olio di palma, olio di palma
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog