Iscriviti alla newsletter! Ricevi 2 codici per risparmiare 5€ sulla prima PPBox e 3€ sul primo acquisto nel PPStore! (valido fino al 30/09/2019)

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
19 Maggio 2015 Il team di ProntoPannolino Pannolini, Storia

Il pannolino nella storia: dall’età della pietra a oggi, ecco come sono cambiate le nostre abitudini

Fonte immagine: https://goo.gl/im2baA
Fonte immagine: https://goo.gl/im2baA

Decine di migliaia di anni fa non c’erano i corsi pre parto o le ostetriche che insegnavano ai neogenitori la maniera migliore di mettere il pannolino al proprio bimbo appena nato, anzi, il pannolino non esisteva proprio! Nonostante ciò, il poter “arginare” la pipì e la pupù dei neonati è sempre stato un problema che gli esseri umani hanno dovuto affrontare fin dall’antichità.

Mamma Yanomi con il suo bimbo in Amazzonia, Brasile. (Fonte immagine: http://goo.gl/5s11mv)
Mamma Yanomi con il suo bimbo in Amazzonia, Brasile. (Fonte immagine: http://goo.gl/5s11mv)

Se nelle zone più calde i bambini venivano lasciati nudi (e le madri cercavamo di cogliere con sufficiente anticipo i segnali che indicassero che il piccolo doveva fare la pipì o la pupù), le popolazioni che vivevano a latitudini più fredde dovevano necessariamente coprire i loro bimbi e – allo stesso modo – fare sì che non si sporcassero continuamente i pesanti vestiti.

Nelle civiltà più primitive (e ancora oggi nelle tribù di alcune remote zone del mondo) i bambini indossavano pelli di animali che venivano “imbottite” con muschio e piante, materiali che poi – una volta sporcati – potevano facilmente essere cambiati ma che hanno uno scarso potere assorbente e che spesso causano irritazioni della pelle.

Nel Medioevo, invece, si utilizzavano a mo di pannolino delle strisce di lino (da qui il nome “panno-lino”) che venivano avvolte intorno al bacino del bimbo e fissate con una spilla da balia.

Un bimbo con indosso un ciripà (fonte immagine: http://goo.gl/1BHcVG)
Un bimbo con indosso un ciripà (fonte immagine: http://goo.gl/1BHcVG)

Nei secoli successivi il lino è stato sostituito dal cotone che per le sue proprietà (più robusto e resistente ai lavaggi e con una migliore dispersione termica) si è rivelato più adatto allo scopo: proprio il cotone era il materiale del ciripà, i triangoli assorbenti (che prendono il loro nome da una popolazione di indios e dei loro tipici perizomi) che venivano avvolti attorno al bambino e utilizzati come pannolini.

Ma nonostante il cotone avesse una capacità assorbente migliore di quella del lino, non era ancora abbastanza: sebbene in Italia i ciripà vennero usati fino agli anni ’70 circa, già una trentina di anni prima in Europa si fecero i primi esperimenti per la creazione di un pannolino in cellulosa, abbinato a una mutandina di plastica che però faceva arrossare il sederino dei bimbi.

E’ solo negli anni ’60, infatti, che il pannolino passa ad essere interamente di cellulosa (e quindi completamente usa e getta): all’inizio per chiuderlo veniva usata ancora la spilla da balia ma in seguito, per la maggiore comodità e sicurezza del bambino, questa venne sostituita da una striscia adesiva.

Prima della striscia adesiva, per chiudere i pannolini si usavano le spille da balia (fonte immagine: https://goo.gl/im2baA)
Prima della striscia adesiva, per chiudere i pannolini si usavano le spille da balia (fonte immagine: https://goo.gl/im2baA)

I pannolini monouso come li conosciamo adesso cominciano a diventare particolarmente popolari negli anni ’70, quando il numero delle donne che comincia a lavorare inizia lentamente a crescere ed il tempo a disposizione per stare dietro ai pannolini lavabili a diminuire.

Dopo l’introduzione del gel assorbente che ne dimezza il volume, i pannolini in questi decenni hanno fatto passi da gigante per garantire la massima assorbenza senza rinunciare al comfort e senza rischi di arrossamento.

Per limitare al massimo il rischio di fuoriuscite, infatti, i pannolini PPDry (che presto saranno disponibili per l’acquisto online) sono dotati di bande laterali di protezione che risultano efficaci anche con la pupù liquida dei neonati; inoltre i suoi strati superassorbenti lasciano la pelle dei bambini asciutta e fresca, grazie anche al tessuto altamente traspirante.

Il comfort e la libertà di movimento sono assicurati dalla sua forma anatomica specialmente studiata per la zona inguinale e dalla morbida chiusura elastica che, oltre ad essere sicura, è anche super avvolgente.

I pannolini PPDry arriveranno presto: torna a trovarci, provali e scopri perché sono il meglio per il tuo bambino e per la tua comodità!

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: ciripà, pannolini, pannolini in cellulosa, pannolini lavabili, pannolini PPDry, pannolini usa e getta, storia pannolini
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino!

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog