Scopri subito la promo di febbraio e risparmia!

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!















< Torna al blog
21 Aprile 2017 Il team di ProntoPannolino Allattamento, Consigli

Farmaci durante l’allattamento: le medicine sicure e quelle da evitare quando si allatta al seno

In precedenza sul nostro blog abbiamo parlato dell’allattamento quando la mamma ha la febbre e abbiamo visto che – a parte alcune eccezioni – eventuali processi virali o batterici della madre non sono un motivo di preoccupazione e non devono mettere a repentaglio o ostacolare l’allattamento al seno.

Quando si parla di malattie però si arriva a un’altra questione che da sempre preoccupa le mamme e i papà: quali farmaci si possono prendere durante l’allattamento?

Risparmia sui tuoi acquisti! Sconto immediato per te di 4 € con almeno 40 € di acquisti nel PPStore, usa il codice PNPY82 nel PPStore!

Approfittane subito!

E’ senza dubbio un argomento delicato poiché l’assunzione di farmaci è una delle prime ragioni di sospensione definitiva dell’allattamento, anche quando però la mamma ed il bambino desidererebbero continuare.

Questo accade perché è ancora radicata la convinzione che l’allattamento non sia mai compatibile con l’assunzione di farmaci; sebbene sia vero che l’ideale, se stiamo dando il seno, sarebbe evitare di assumere medicine, ci sono alcuni farmaci che se presi in reale caso di necessità e con il dosaggio adeguato non rappresentano un rischio per il bambino allattato al seno.

Nell’articolo precedente avevamo già detto che praticamente tutti i farmaci assunti dalla madre passano attraverso il latte materno ma non tutti i principi attivi hanno conseguenze sul bambino allattato; inoltre – se il dosaggio consigliato non viene superato – nel latte materno si trova circa l’1%  della dose di farmaco inizialmente assunta dalla madre che allatta.

Questo è quanto accade in linea generale, più nello specifico poi ci sono alcuni fattori che determinano la quantità di farmaco che passa nel latte materno:

  • Il farmaco è altamente lipofilico (ha quindi un’elevata capacità di penetrare nei grassi)? Più un farmaco è lipofilico, più penetrerà nel latte.
  • Il farmaco ha un’alta durata di attività nel sangue materno? In questo caso dobbiamo fare attenzione perché, poppata dopo poppata, il principio attivo potrebbe concentrarsi anche nel sangue del bambino.
  • Qual è la biodisponibilità del farmaco? Da questo dipende la capacità di assorbimento del principio attivo da parte dell’intestino della madre e del bambino.
  • Il farmaco è approvato per l’uso pediatrico? In questo caso non ci dovrebbero essere controindicazioni nell’utilizzarlo in allattamento.

Oltre a questi fattori c’è anche da tenere in considerazione la salute generale del bambino e la sua età: i neonati di poche settimane (o comunque i bambini prematuri) hanno una funzione epatica e renale ancora immatura, quindi fanno più fatica a metabolizzare ed eliminare il farmaco.

Passiamo ora però a vedere nel dettaglio quali sono le medicine sicure in allattamento e quelle che, invece, andrebbero evitate (o se è necessario prenderle, quelle che portano a una sospensione dell’allattamento):

Farmaci sicuri in allattamento:

  • analgesici (il paracetamolo è meglio dell’Aspirina, ma si possono assumere anche l’Aspirina e l’ibuprofene)
  • i rimedi più comuni per tosse, raffreddore e processi influenzali
  • antibiotici come la penicillina (e i suoi derivati, ad esempio l’amoxicillina), l’eritromicina, le cefalosporine
  • la maggior parte dei medicinali per la pressione alta
  • digossina, l’insulina, broncodilatatori
  • tutti i farmaci indicati per l’uso in età pediatrica

Farmaci incompatibili con l’allattamento:

  • i farmaci anti-tumorali come ciclofosfamide, ciclosporina, doxorubicina, metotrexate
  • le sostanze radioattive utilizzate in radiodiagnostica
  • i farmaci antitiroidei diversi dal tiouracile
  • il cloramfenicolo

Una lista più esaustiva dei farmaci e dei principi attivi che possono essere presi durante l’allattamento, di quelli da evitare e quelli da consumare con cautela è consultabile in questo documento dell’American Academy of Pediatrics.

Inoltre, grazie alla pagina web e-lactancia (realizzata dal reparto di pediatria dell’ospedale di Denia, in Spagna, e disponibile in inglese e spagnolo) è possibile consultare la compatibilità di oltre 24.000 medicinali e principi attivi con l’allattamento materno.

In linea generale è necessario sottolineare che, anche per i farmaci incompatibili con l’allattamento, spesso è necessario evitare di dare il latte materno solo per la durata della terapia; è anche vero però che, se dovesse trattarsi di un periodo di tempo più o meno prolungato, la naturale produzione del latte materno potrebbe fisiologicamente andare a scomparire e, anche quando la madre fosse di nuovo in grado di riprendere l’allattamento, potrebbe non essere più possibile.

Risparmia sui tuoi acquisti! Sconto immediato per te di 4 € con almeno 40 € di acquisti nel PPStore, usa il codice PNPY82 nel PPStore!

Approfittane subito!

Inoltre alcuni farmaci non sono nocivi  in termini assoluti per i bambini allattati, ma possono dare effetti collaterali (alcuni lievi altri più gravi): purtroppo però per numerose medicine non ci sono ancora sufficienti studi portati avanti durante l’allattamento che possano dire con sicurezza se l’assunzione del farmaco è sicura o meno.

Ad esempio i farmaci antidepressivi, gli ansiolitici o i farmaci per l’epilessia vanno ad agire sui neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale che nei neonati è in pieno sviluppo: a causa dell’assenza di studi in merito è ancora difficile poter dire quali sono gli effetti a lungo termine sui bambini che assumono questi medicinali attraverso il latte della madre.

Infine, la maggior parte dei medicinali riporta nel proprio foglietto illustrativo che il loro uso è sconsigliato in gravidanza ed allattamento: in moltissimi casi (ovviamente non in tutti) questa indicazione non fa riferimento a studi scientifici che effettivamente dimostrino la pericolosità di un determinato farmaco, ma risponde più a un desiderio delle case farmaceutiche di tutelarsi da eventuali problemi.

Quindi, quando stiamo assumendo dei farmaci, è comunque saggio chiedere consiglio al proprio medico curante ed al pediatra: anche in questo caso, però, dobbiamo far presente il nostro desiderio di continuare ad allattare, in modo tale che i loro consigli tengano conto di questa esigenza.

Se stiamo comunque prendendo medicinali in allattamento possiamo cercare di prenderli non appena il nostro bimbo finisce di mangiare; ancora meglio sarebbe prenderli prima che il bambino si addormenti per diverse ore, in modo tale da allontanare l’assunzione del medicinale dalla poppata successiva (ovviamente questo non è possibile con la maggior parte dei bambini di poche settimane o pochi mesi che prendono il seno ogni 2 o 3 ore, se non più di frequente).

Nella maggior parte dei casi, comunque, i benefici dell’allattamento al seno e del latte materno per i neonati e i bambini sono comunque superiori all’assunzione di piccole dosi di quei farmaci che risultano di per sé innocui durante l’allattamento.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: allattare e farmaci, farmaci quando si allatta, medicine in allattamento, medicine incompatibili con l'allattamento
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog