Scopri subito la promo di maggio: un gioco gratis per te!

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
13 Giugno 2016 Il team di ProntoPannolino Consigli, Primi mesi

Corsi di nuoto per neonati: perché l’acqua aiuta i piccoli (ma anche i grandi!)

Fonte immagine: http://bit.ly/1ZDz5HE

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un boom dei corsi di nuoto per piccolissimi in cui vediamo neonati – anche di poche settimane o pochi mesi – immergersi con i genitori in piscina. Ma perché l’acquaticità neonatale è così importante per i bimbi (e i genitori)?

Fin dalle prime settimane di vita, il rapporto con l’acqua apporta innumerevoli benefici ai piccolissimi, per tutta una serie di ragioni, e questo è il motivo per il quale i corsi di idrochinesiologia neonatale sono diventati così richiesti.

A maggio 2021 un omaggio per te con i tuoi ordini sopra i 40 € nel PPStore, scopri la promo!

Approfittane subito!

Ma facciamo un passo indietro: cosa intendiamo per idrochinesiologia?

Per usare la definizione di Wikipedia, l’idrochinesiologia “rappresenta un avanzato punto di integrazione tra le metodiche riabilitative e formative più consuete risultando altamente specifica al trattamento di svariate condizioni patologiche o di supporto alla crescita, grazie alla valenza relazionale dell’acqua nel rapporto utente-operatore”.

Si tratta quindi di una maniera di supportare la crescita dei neonati attraverso la relazione con l’acqua, ovvero l’ambiente con cui i piccoli hanno maggiormente confidenza dato che – per 9 mesi – all’interno dell’utero materno sono stati immersi nel liquido amniotico.

Quando vengono immersi in acqua, quindi, i piccoli riconoscono l’ambiente acquatico come un luogo familiare con cui si relazionano in maniera disinvolta, nonostante le loro capacità motorie nelle prime settimane (e nei primi mesi) di vita fuori dall’acqua siano molto limitate.

Infatti i corsi di nuoto per neonati non sono pensati per far imparare al bambino a nuotare, ma più che altro per migliorare il suo sviluppo psicomotorio e per permettergli di stare a contatto con l’acqua che, per 9 mesi, è stato appunto il suo ambiente naturale.

Una maggiore capacità di movimento nell’acqua mette le basi anche per un migliore sviluppo delle capacità motorie che serviranno ai piccoli, più avanti, per iniziare a gattonare ed infine a camminare.

Stare in acqua apporta diversi benefici al sistema motorio, alla respirazione, al sistema cardiocircolatorio e all’equilibrio: per questo in piscina vengono usati i tappeti galleggianti, in modo tale che i piccoli possano sperimentare differenti sensazioni di stabilità, migliorando così il loro equilibrio.

Un timore ricorrente nelle mamme e nei papà che portano i bimbi in piscina già da piccolissimi, però, è che i bambini  non siano in grado di “trattenere il respiro” se dovessero finire con la testa sotto l’acqua.

In effetti non sono in grado di farlo “volontariamente” (nel senso che il bimbo non decide di tenere il respiro) ma fin da piccolissimi i bambini hanno il riflesso di chiusura della glottide che gli impedisce, se mettono la testa sott’acqua per brevi momenti, di “bere”.

Tuttavia questo è un riflesso naturale che, se non viene stimolato, si perde mano a mano che il bambino cresce: quindi iniziare a prendere confidenza con l’acqua nei primi mesi di vita può essere utile per abituare il piccolo a immergere la testa con disinvoltura e senza timore che possa ingerire acqua.

Ma immergersi in acqua con il proprio bimbo ha tanti benefici anche per i genitori che con il piccolo condividono questa esperienza che, a livello sensoriale, può essere molto intensa: spesso entrare in acqua con il bimbo aiuta a diminuire l’ansia e lo stress, sensazioni con cui è possibile che – nelle prime settimane dopo la nascita – le neo mamme e i neo papà si ritrovino a fare i conti.

A maggio 2021 un omaggio per te con i tuoi ordini sopra i 40 € nel PPStore, scopri la promo!

Approfittane subito!

Detto questo, ci sono dei consigli che ci sentiamo di dare a tutte le mamme e i papà che desiderano portare il proprio bimbo a un corso di nuoto neonatale:

  • il genitore che entra in acqua con il piccolo deve essere quello che si sente più a suo agio nell’acqua, in modo tale da non trasmettere ansia o insicurezza al piccolo;
  • assicurarsi di rivolgersi solo a centri specializzati che offrano corsi di nuoto per neonati che soddisfino determinati requisiti (ad esempio la vasca piccola dove si immergono i bimbi deve avere una temperatura di 33 gradi e una profondità adeguata). Prima dei 6 mesi è fondamentale che la temperatura dell’acqua sia di almeno 33 gradi, mentre dopo il sesto mese i piccoli possono sopportare anche temperature leggermente inferiori;
  • prima si inizia meglio è, nel senso che un bimbo appena nato ha molta confidenza con l’acqua perché è stata il suo habitat per 9 mesi, e di questo ne ha memoria per diverse settimane dopo la nascita. Più un bimbo sta lontano dall’acqua però, più perde confidenza con essa e sarà per lui meno facile sentirsi a suo agio una volta immerso;
  • molto probabilmente prima di iniziare il corso la struttura richiederà il certificato di buona salute del bambino, che bisogna richiedere al pediatra. Fino a qualche tempo fa veniva richiesto anche l’elettrocardiogramma ma da qualche mese è stato stabilito che non sia più indispensabile.

Inoltre i corsi di nuoto neonatali, nonostante come abbiamo detto prima non siano pensati per insegnare ai piccoli a nuotare, possono rendere i bimbi più autonomi e preparati per prendere parte a un corso di nuoto vero e proprio, verso i 5 anni.

Non dimentichiamoci mai però che, sia per i genitori che per i piccoli, il nuoto dev’essere anche (e soprattutto!) un divertimento: per questo, se vediamo che il piccolo non apprezza stare in acqua, se notiamo che ha paura quando si immerge, non bisogna forzarlo rischiando di peggiorare la situazione.

Ci sono bambini più “acquatici” ed altri meno, senza contare che poi, crescendo, i piccoli sono in grado di superare anche autonomamente timori e paure che hanno caratterizzato determinati periodi della loro vita; per questo, se vediamo che non è il momento di iscrivere il nostri bimbo a un corso di nuoto, possiamo riprovarci in futuro.

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: acquaticità neonatale, corsi di nuoto neonati, idrochinesiologia neonatale, piscina neonati
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino! Promo febbraio 2020: acquista un dispositivo anti abbandono Tippy Smart Pad e e scegli un prodotto extra in regalo! !

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog