Iscriviti alla newsletter! Ricevi 2 codici per risparmiare 5€ sulla prima PPBox e 3€ sul primo acquisto nel PPStore! (valido fino al 30/09/2019)

Più tempo per te, più tempo con il tuo bambino

Visita il nostro sito!
< Torna al blog
9 Luglio 2015 Il team di ProntoPannolino Consigli, Primi mesi

Protezione solare: qual è la crema più adatta ai bambini? Qualche consiglio per non scottarsi!

crema solare
Fonte immagine: http://bit.ly/1G9F8aN

Per tanti di noi l’estate è sinonimo di vacanze e, spesso e volentieri, le vacanze sono sinonimo di mare: quando ci sono anche i bimbi, questo significa bagni nell’acqua cristallina, giochi con la sabbia e sole. Tutti sanno che è necessario proteggere la pelle dai raggi solari, soprattutto quella dei più piccoli, ma lo si deve fare solo quando si è in spiaggia?

Certamente no: applicare la crema solare è importante ogni volta che ci esponiamo al sole e, con i bimbi, bisogna prestare ancora più attenzione; che sia una passeggiata in montagna, un’escursione in campagna o una quattro passi in città, la crema è necessaria e va applicata sulle zone che rimangono scoperte.

Questo vale anche per i bimbi nel passeggino o nella carrozzina: bisogna comunque tenere conto che – nei primi mesi – l’esposizione diretta ai raggi solari deve essere evitata e fino al secondo o terzo anno di età, è comunque meglio non esporre a lungo il bimbo al sole specialmente nei momenti più caldi della giornata.

E’ comprensibile tuttavia che, se parliamo di protezione solare, ci venga in mente il mare: è quando stiamo in spiaggia che passiamo più tempo all’aria aperta e con meno vestiti addosso. Ma quindi qual è la crema più adatta per i bambini? Ci vuole una crema solare con un alto fattore di protezione (50+); nel caso di dermatiti, problemi della pelle o pelle particolarmente sensibile, è meglio andare in farmacia per farsi consigliare un prodotto specifico.

E’ anche noto che i bambini più grandicelli non amino farsi mettere la crema: per questo con loro è meglio utilizzare una protezione solare spray, più facile da applicare e più leggera sulla pelle, mentre coi più piccini non avrete problemi a usare anche la classica crema.

Nel nostro PPStore trovate tutta una serie di prodotti per la protezione solare:

Si tende a pensare che, una volta applicata la crema solare, questa possa garantirci una protezione efficace per diverse ore: in verità, per evitare le scottature, bisogna ripetere l’applicazione circa ogni due ore e sempre dopo ogni bagno, anche se l’abbiamo messa prima di entrare in acqua (questo vale anche per le creme solari resistenti all’acqua).

A cos’altro bisogna stare attenti? Alle giornate ventose o nuvolose: con il vento è più difficile sentire il sole che ci scotta la pelle (soprattutto per i bambini che sono intenti a giocare e non se ne rendono conto) mentre le nuvole, nonostante coprano la luce del sole, non ne filtrano i raggi utravioletti che vi passano attraverso e possono causare scottature.

Oltre alla crema, è quindo molto importante evitare di esporsi al sole nelle ore più calde della giornata e, comunque, cercare di restare sempre all’ombra; ma cosa succede se, nonostante tutti gli accorgimenti, il nostro bimbo si scotta?

L’eritema solare si manifesta qualche ora dopo l’esposizione al sole ed è riconoscibile perché la pelle risulta calda, rossa e sensibile al tatto: se il bimbo si scotta è di fondamentale importanza toglierlo dal sole e non esporlo fin quando l’eritema non è passato; durante i giorni successivi possiamo proteggere la pelle del bambino con indumenti leggeri, come una maglietta a maniche corte di cotone bianco, e comunque cercare di mantenerlo sempre all’ombra.

Per alleviare il dolore di un eritema solare, possiamo applicare sulla zona scottata una crema idratante o un doposole rinfrescante, ad esempio lo spray Clinians doposole o il latte doposole Trudi Kids; inoltre, all’acqua del bagno (che dev’essere tiepida, non calda) possiamo aggiungere amido di riso che svolge un’azione lenitiva.

Se, oltre a essere arrossata, la pelle dovesse presentare anche delle bollicine, è meglio sentire il parere del pediatra che potrebbe consigliare una crema al cortisone; qualche giorno fa avevamo già parlato dei fattori a cui prestare attenzione quando andiamo in spiaggia coi bimbi: certo, ci vuole un po’ più di prudenza, ma il divertimento è comunque assicurato!

Hai trovato utile questo articolo? Vuoi scoprire altri approfondimenti sui temi più importanti legati a gravidanza, maternità e prima infanzia e ricevere periodicamente le ultime novità dal nostro blog?

Iscriviti alla newsletter, conviene!

Etichettato con: crema solare bambini, eritema solare bambini, protezione solare
Il team di ProntoPannolino

Siamo la squadra di ProntoPannolino, pronti ad aiutare tutti i neogenitori e molto altro ;) Scopri i nostri pannolini PPDry e gli altri prodotti che puoi ricevere dove desideri con pochi click: se vuoi metterci alla prova, ordina subito la PPBag grazie alla quale potrai toccare con mano la qualità del Made in Italy firmata ProntoPannolino!

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito prontopannolino.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti
< Torna al blog